Prova su strada Toyota Auris. Test drive della rinnovata ?ǣGrande Yaris?ǥ

La Toyota Auris è l’erede della Corolla, una macchina molto amata sia per la sua eleganza che per le caratteristiche tecniche che l’hanno resa una delle teste di ponte con cui la casa giapponese ha potuto posizionarsi in modo solido nel mercato europeo. In Italia la Auris non ha la risonanza del nome Corolla, E sta conquistando lentamente la sua quota di estimatori. Ma in realtà la madre della Auris è la Yaris, dalla quale sono state tratte la maggior parte delle idee progettuali, al punto da potere considerare la Auris a tutti gli effetti una “grande Yaris”.

Dal primo sguardo, proprio le forme della Yaris si ritrovano largamente nella Auris: l’auto appare molto bombata, con la fiancata alta nel padiglione e un frontale piuttosto corposo, che dà un’impressione di solidità. Più originale l’abitacolo, che presenta una plancia molto tornita con il ponte laterale ben pronunciato e il cruscotto con una sagomatura che ricorda un’onda.

In prova, appena ci si siede al posto di guida l’auto presenta una bella visibilità sulla strada, e un senso di buon controllo dei comandi.

La versione con il motore turbodiesel di 1,4 litri da 90 cavalli, una volta in moto, non sembra a tutta prima particolarmente vivace. La coppia di 190 Nm non è in effetti particolarmente generosa. Le prestazioni sono comunque da non sottovalutare: 175 Km/h di velocità finale con uno scatto da ferma ai 100 Km/h effettuato in 12 secondi netti. Il consumo è di circa 5 litri ogni 100 chilometri: proprio questo è il punto di forza della vettura, che davvero promette interessanti risparmi.

La trasmissione della Auris presa in esame nel test drive si basa sul cambio M-MT automatico a cinque rapporti, che può essere reso sequenziale e pilotato dai selettori al volante: non è un cambio bruciante, ma assicura una guida molto fluida e rilassata. Alla guida lo sterzo molto ben calibrato contribuisce a dare una sensazione di serenità anche affrontando tratti molto curvilinei a velocità consistente. L’assetto privilegia la comodità e assorbe in questo senso bene le imperfezioni dell’asfalto senza infastidire né chi esige una tenuta precisa né chi vuole un assoluto comfort.

Video: Toyota Auris - test drive

7 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar pubblicato n utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply

7 Commenti

  •  
    vito
    09/06/2011 alle 16:59:15

    Buona sera io volevo dire si è vero sono delle belle macchine silensiose su strada e poco consumo. però volevo dire anche la mia.Poichè la macchina è del 2007.Ho riscontrato che all'accensione del motore pigiando sull'acceleratore si sente un rumorino andando avanti.Poi non lo fa più.mi hanno spiegato che è lattuatore dell'abs,che al momento che lolio va nel circuito si sente questo piccolo rumore, e un problema mio o di tutte le toyota auris MMT. Grazie se qualcuno sa darmi una risposta.

  •  
    Alessandro
    18/01/2010 alle 20:43:06

    Salve anch'io sono un possessore di una Auris 1.4 d ma con cambio normale, la mia è ottima in tutto anche nei consumi vado dai 19 ai 24 Km/l a seconda di quanto la guido io o mia moglie, l' unico diffetto è il bellissimo tunnel in mezzo bello ma terribilmente rumoroso appena lo si tocca scricchiola, e con i cambi temperatura auguri. per il resto tutto ok.

  •  
    Alessandro
    18/01/2010 alle 20:42:36

    Salve anch'io sono un possessore di una Auris 1.4 d ma con cambio normale, la mia è ottima in tutto anche nei consumi vado dai 19 ai 24 Km/l a seconda di quanto la guido io o mia moglie, l' unico diffetto è il bellissimo tunnel in mezzo bello ma terribilmente rumoroso appena lo si tocca scricchiola, e con i cambi temperatura auguri. per il resto tutto ok.

  •  
    luigi
    18/04/2008 alle 20:35:41

    Sono anch'io possessore di una Auris 1,4 M-MT e sono daccordo con voi.L'unico neo e proprio i consumi, una volta sola sono riuscito a fare una media di 16 Km/Lt, se no sto sempre sui 15,3-15,5 Km/Lt. Finora ho percorso 8500 Km, forse devo aspettare un altro po per vedere il consumo reale.

  •  
    Michele
    27/03/2008 alle 17:16:02

    Anche io ho la stessa versione di Damiano di Auris (1.4 D-4D Sol M-MT) e concordo con le sue impressioni. Tuttavia devo segnalare che i miei consumi non sono poi così bassi. Nel misto registro tra gli 11,5 e 12 km con un litro. Ovviamente su strada i consumi scendono avendo cura di non schiacciare troppo l'accelleratore (120 km/h). Forse pretendo troppo considerato che la paragono alla Yaris che avevo in precedenza (1.4 D-4D).

  •  
    ANDREA
    08/03/2008 alle 13:52:47

    COME POSSO CARICARMI IL TELEFONINO NELLA TOYOTA AURIS VISTO CHE L'ACCENDISIGARI NON è COMPATIBILE ?

  •  
    Damiano
    16/02/2008 alle 10:10:36

    Sono in possesso di una Toyota Auris turbodiesel 1.4 da 90 cavalli, versione Sol, cambio automatico. Io posso dare solo impressioni, magari poco tecniche, ma che per il mio modo di guidare comunque contano.. Estetica: bè qui ne ho sentite di tutti i colori ma non me ne importa, la vedete anche voi e per me è importante la qualità ed affidabilità. Motore: onesto, meno brillante ci quello montato sulla Yaris, ma credo che qui ci siano almeno 200 kg. in più... comunque infaticabile, silenziosissimo e piuttosto sobrio nei consumi. Cambio: come ho detto, ho la versione col cambio automatico - sequenziale con i comandi sulla classica manopola e con le "alette" sul volante. Il cambio automatico è morbido, progressivo e se si impara a togliere un filo di gas prima del cambio di marcia, scompare quel piccolo dondolamento tipico delle auto col cambio automatico; chi è montato sulla mia macchina si è accorto del cambio automatico solo perchè non mi vedeva cambiare marcia. Piccolo difetto: non è molto agile se si percorrono strade dove spesso si cambia velocità abbastanza spesso. Il cambio automatico tende a scalare le marce un po' troppo repentinamente; pertanto in fase di decelerazione, ad esempio partendo dai 90 km/h, le marce cominciano a scalare non appena il motore arriva ai 2.000 giri, con la conseguenza che appena innestata la marcia inferiore, improvvisamente il motore può arrivare ai 3.000 giri.... un po' "strangolato per il mio modo di guidare piuttosto tranquillo. La parte più fastidiosa è che a questo punto il controllo elettronico del cambio credo interpreti questo aumento di giri come una improvvisa accelerazione (come per fare un sorpasso) e pertanto mantiene la stessa marcia e se si preme sull'acceleratore non si passa alla marcia successiva prima di aver raggiunto i 3.000 - 3.500 giri e magari tu stai andando a 60 all'ora... Forse cerco il pelo nell'uovo e questo è un difetto "fisiologico" si tutti i cambi automatici, non so.. è la prima mia auto col cambio di questo tipo. Tuttavia basta conoscerlo un po' e poi comunque diventa fluido e comodissimo da utilizzare. Niente da dire invece sul cambio sequenziale, preciso e veloce. Si può passare tranquillamente dall'automatico al sequenziale anche durante la marcia. Cosa importante, puoi guidare in automatico, ma puoi comandare comunque un cambio di marcia azionando le alette sul volante. Tenuta di strada: anche se l'hanno fatta più alta delle altre auto di questa fascia, l'impressione è sempre di essere incollati alla strada, anche sul bagnato. Ergonomia: ottima, niente da dire. Volante: un pelo piccolo ma precisissimo e della giusta leggerezza. Freni: ottimi. Finiture: decisamente superiori a tutte le altre auto di questa categoria. Nel complesso sono molto soddisfatto della mia Auris, è solida, parca nei consumi e di ottima finitura. Certo, non è un fulmine per strada, ma per il mio utilizzo mi basta e avanza. Di sicuro una cosa, nonostante mi sia dilungato sul discorso del cambio... mai più cambio manuale, troppo comodo l'automatico!

T2 = 1.562,5000
T3 = 1.562,5000
T4 = 1.562,5000
T5 = 1.562,5000
T6 = 1.562,5000
T7 = 1.562,5000 > 33031,44 > 33031,43